11 Mar 2011

Rassegna stampa fiscale

0 Comment
Titolo: Gli 007 del fisco cercano gli evasori anche su Facebook
Autore: M.Sen.
Fonte: Corriere della Sera pag:  10
State attenti. L’Agenzia delle Entrate sta pensando di utilizzare Facebook per i suoi accertamenti fiscali. Prudenza nel pubblicare le foto delle vacanze alle Maldive, della fiammante fuoriserie o della barca. Questo potrebbe essere una trappola mortale per gli evasori. Gli agenti del fisco potrebbero chiedervi conto di tutto quello descritto nei vostri profili. Attilio Befera, direttore delle Entrate, ha detto che ci stanno pensando, ma la decisione deve ancora essere presa. Per gli 007 del fisco a caccia di evasori la prospettiva è allettante. (Ved. anche Il Sole 24 Ore: ‘Redditometro a doppio binario’ – pag. 31)
Titolo: ‘Rinnovabili, a breve i nuovi incentivi’
Autore: Roberto Bagnoli
Fonte: Corriere della Sera pag:  43
Il Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ieri è intervenuto sul decreto che regola gli incentivi alle rinnovabili. Il premier ha assicurato che ‘entro poche settimane il Governo stabilità il nuovo quadro degli incentivi per consentire alle aziende di programmare investimenti’. ‘Chi ha investito nella green economy – ha detto il premier – non deve nutrire timori ingiustificati ma gli incentivi devono adeguarsi all’andamento degli altri Paesi europei’. Per il Ministro Prestigiacomo si tratta di ‘una comunicazione sopra le righe’. Il Ministro per lo Sviluppo economico, Paolo Romani, ha assicurato che entro 15 giorni verrà emanato un nuovo decreto attuativo per il periodo transitorio, correttivo della retroattività. (Ved. anche Italia Oggi: ‘Aiuti al solare, se di piccola taglia’ – pag. 32)
Titolo: Unico, tranello sugli immobili
Autore: Maurizio Bonazzi
Fonte: Italia Oggi pag:  27
Le istruzioni ai modelli Unico e 730 confliggono con il Tuir sui casi di esonero dall’obbligo dal pagamento dell’Irpef e di presentazione della dichiarazione. I contribuenti titolari di soli redditi di terreni e fabbricati potrebbero essere indotti in errore. Dalla tabella intitolata ‘casi di esonero con limite di reddito’ si desume che chi possiede solo redditi fondiari di importo complessivo inferiore a 500 euro non è tenuto a presentare la dichiarazione dei redditi. Ma non è così. L’art. 11 del Tuir stabilisce che l’Irpef non è dovuta, e quindi il contribuente è esonerato dall’obbligo dichiarativo, solo se l’importo complessivo dei redditi fondiari è sì di importo non superiore a 500 euro, ma al lordo (e non al netto) del reddito derivante dall’abitazione principale.
Titolo: Frode con fatture false se si tira in ballo una ditta inesistente
Autore: Debora Alberici
Fonte: Italia Oggi pag:  28
La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 9673 del 10 marzo 2011, ha stabilito che risponde del più grave reato di dichiarazione fraudolenta mediante fatture false (e non di dichiarazione fraudolenta) l’imprenditore che attribuisce le attività a una ditta inesistente. (Ved. anche Il Sole 24 Ore: ‘La fattura con contenuti falsi è sempre considerata un reato’ – pag. 32)
Titolo: Lease back, elusività da provare
Autore: Debora Alberici
Fonte: Italia Oggi pag:  28
La Cassazione frena sull’abuso di diritto. I giudici di legittimità, con la sentenza n. 5583, depositata lo scorso 9 marzo, hanno stabilito che il sale and lease back non può essere contestato come operazione elusiva tout court ma va dimostrato, oltre al consueto risparmio fiscale, anche l’esistenza di una situazione di credito e debito tra società finanziarie e impresa venditrice e utilizzatrice, le difficoltà economiche di questa e la sproporzione fra il valore del bene trasferito e il corrispettivo dall’acquirente.
Titolo: Acquisti over 3.600 euro, si cambia
Autore: Simona D’Alessio e Cristina Bartelli
Fonte: Italia Oggi pag:  29
Il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Attilio Befera, all’incontro per il francobollo del decennale delle agenzie fiscali ha detto che sullo spesometro sono pronte le prime modifiche. La tracciabilità per le spese superiori a 3.600 euro che partirà dal 1° maggio rischia di subire delle modifiche prima della sua piena operatività. L’obbligo di comunicare al fisco il codice fiscale e gli acquisti superiori ai 3.600 euro non graverà più sui commercianti. L’Amministrazione – ha detto Befera – sta pensando come attenuare la portata dello spesometro. Saranno esclusi dalla comunicazione gli acquisti effettuati con carte di credito e di debito. (Ved. anche Il Sole 24 Ore: ‘Comunicazione sopra i 3.600 euro solo con i contanti’ – pag. 31)
Titolo: Archivi Vies: in 500 mila superano l’esame
Autore: Cristina Bartelli
Fonte: Italia Oggi pag:  29
Archivi Vies. Solo in 500mila hanno superato l’esame. L’operazione pulizia ha cancellato 4,5 milioni di posizioni. I soggetti cancellati d’ufficio non hanno compiuto con l’estero, in due anni, alcun tipo di operazione di scambio. Oggi gli uffici delle Entrate stanno esaminando le domande cartacee recapitate a mano o con raccomandata da chi ha richiesto l’iscrizione al Vies.
Titolo: Iva e alimenti, due regimi
Autore: Franco Ricca
Fonte: Italia Oggi pag:  31
La Corte di giustizia Ue, con la sentenza 10 marzo 2011, è intervenuta sulle operazioni complesse. La fornitura di alimenti preparati a stand, chioschi e cinema, agli effetti dell’Iva, costituisce una cessione di beni. Le attività di catering, invece, sono prestazioni di servizio, salvo che si limitino alla fornitura di vivande. (Ved. anche Il Sole 24 Ore: ‘La bevanda al chiosco sconta più Iva che al bar’ – pag. 32)
Titolo: Redditi giù in Lombardia ed Emilia
Autore: Gianni Trovati
Fonte: II Sole 24 Ore pag:  2
Le dichiarazioni dei redditi 2010 segnano una frenata nelle regioni del Nord ad eccezione, però, di quelle a Statuto speciale. Nel Mezzogiorno, invece, crescono Basilicata e Calabria. Il calo delle regioni settentrionali è giustificato dalla perdita di lavoro che colpisce le aree più dotate di industrie e servizi. Il dato più significativo è quello della Lombardia che resta la primatista del reddito nazionale con 22.430 euro per contribuente, ma in media i contribuenti lombardi perdono in valore assoluto lo 0,5 per mille rispetto all’anno precedente.
Titolo: I ricchi d’Italia calano del 7 per cento
Autore: Marco Mobili
Fonte: II Sole 24 Ore pag:  3
Il 90,2% dei contribuenti italiani dichiara al fisco meno di 35mila euro e soltanto lo 0,17% delle persone fisiche denuncia redditi superiori a 200mila euro. Ma non basta. Dalle nuove elaborazioni fornite dal Dipartimento delle Finanze sulle dichiarazioni 2010 per i redditi percepiti nel 2009, i ricchi d’Italia sono in calo del 7%. I redditi da lavoro autonomo non diminuiti del 5,4% anche se è aumentato il reddito medio. Una quota dei redditi bassi è passata fra i ‘minimi’, aumentati di quasi un quarto fra 2008 e 2009. Più tutelati i redditi medi da pensione: la performance ha segnato, infatti, un +4,7% in un anno.
Titolo: Rimborsi per i ricavi errati
Autore: Luca De Stefani
Fonte: II Sole 24 Ore pag:  32
Sì alla restituzione dell’imposta se è stata versata nell’anno sbagliato. Lo ha detto Assonime nell’approfondimento n. 3/2011 pubblicato ieri nel sito dell’Associazione. Il documento si è basato sulle indicazioni fornite dall’Agenzia delle Entrate nella circolare n. 23/E del 4 maggio 2010 dove l’Agenzia ha concesso la possibilità di imputare un componente negativo di reddito nel periodo di effettiva competenza, anche nel caso in cui siano scaduti i termini, sia per modificare a favore la relativa dichiarazione, sia per presentare un’istanza di rimborso.
[top]