12 Mar 2011

Rassegna stampa fiscale

0 Comment
Titolo: L’assistenza fiscale ora è blindata
Autore: Debora Alberici
Fonte: Italia Oggi pag:  25
La Sesta sezione penale della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 10100 dell’11 marzo 2011, ha affermato che l’assistenza fiscale è un’attività tipica dei commercialisti. Il consulente del lavoro che presta assistenza fiscale commette abuso della professione; si deve limitare, pertanto, ad occuparsi di liquidazioni e pagamento delle relative imposte. Per lo svolgimento di questo compito occorre un’abilitazione specifica che il consulente non ha. (Ved. anche Il Sole 24 Ore: ‘Al consulente vietata l’attività fiscale’ – pag. 31)
Titolo: Compensa anche chi paga a rate
Autore: Duilio Liburdi
Fonte: Italia Oggi pag:  27
L’Agenzia delle Entrate ha diramato la circolare n. 13/E/2011 sul blocco delle compensazioni nel caso di debiti scaduti per un importo superiore ai 1.500 euro. L’Agenzia ha precisato che la dilazione dei pagamenti non blocca le compensazioni effettuate dal contribuente. Non è rilevante la natura del ruolo, ma solo il fatto che vi sia una cartella scaduta e non pagata. Nel blocco della manovra estiva rientra anche l’imposta di registro. La sanzione per l’indebita compensazione indicata dalla circolare non è in linea con il dettato della norma. La circolare afferma, infatti, che la sanzione è comunque misurata sull’intero importo del debito, ma trova un limite nell’ammontare compensato. (Ved. anche Il Sole 24 Ore: ‘Compensazioni con multe salate’ – pag. 31)
Titolo: Pronto il modulo per esercitare l’opzione
Autore:
Fonte: Italia Oggi pag:  27
Equitalia ha messo a punto un modulo per consentire ai contribuenti che effettuano pagamenti parziali mediante compensazione di scegliere a quale parte del debito erariale imputare il pagamento. La scelta degli importi da compensare può essere effettuata entro 3 giorni dal conferimento della delega F24 se il contribuente presenta il modello F24 tramite banche, poste ed Entratel oppure, contestualmente, se il contribuente presenta il modello F24 agli sportelli dell’agente della riscossione. (Ved. anche Il Sole 24 Ore: ‘Il pagamento a rate regolare non viene fermato dal blocco’ – pag. 31)
Titolo: Base certa al leasing immobiliare
Autore: Antonio Montemurro e Brunello Menozzi
Fonte: Italia Oggi pag:  28
Con la circolare n. 12/E dell’11 marzo 2011 l’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti in merito alla disciplina del leasing immobiliare dopo le novità introdotte dalla legge di stabilità 2011. La circolare precisa che ‘le modifiche introdotte sono volte a concentrare il prelievo fiscale dovuto per i trasferimenti di immobili nella fase relativa all’acquisto del bene da parte della società di leasing’. Dal 1°gennaio 2011, infatti, l’acquisto dell’immobile strumentale da parte della società di leasing è soggetto alle imposte ipotecaria e catastale nella misura ordinaria rispettivamente del 3% e dell’1% se la cessione rientra nel campo di applicazione dell’Iva. (Ved. anche Il Sole 24 Ore: ‘Sostitutiva con Iva se paga la società’ – pag. 32)
Titolo: Addizionali Conguaglio leggero
Autore: Andrea Bongi
Fonte: Italia Oggi pag:  29
Con la risoluzione n. 31/E/2011 l’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti sulle modalità di tassazione dei compensi erogati sotto forma di bonus e stock options nel settore finanziario. Il chiarimento si è reso necessario dopo le disposizioni introdotte dall’articolo 33 del dl 78/2010. I sostituti d’imposta che non abbiano operato le ritenute a titolo di addizionali al momento di erogazione dei compensi stessi potranno farlo, senza sanzioni, durante le operazioni di conguaglio. (Ved. anche Il Sole 24 Ore: ‘Conguagli sui bonus senza sanzioni’ – pag. 32)
Titolo: Il factoring è senza Iva (non è recupero crediti)
Autore: Benito Fuoco e Nicola Fuoco
Fonte: Italia Oggi pag:  29
Con la risoluzione n. 32/E datata 11 marzo 2011 l’Agenzia delle Entrate risponde ad un quesito sul trattamento fiscale da riservare alle operazioni di factoring, alla luce di una recente pronuncia della Corte di giustizia Ue. L’attività di factoring è una fattispecie ben distinta dal recupero crediti e, pertanto, rientra tra le operazioni esenti Iva. Ai fini della soggezione all’imposta sul valore aggiunto, dovrà comunque essere effettuata un’analisi che indaghi sulla natura dell’operazione concretamente realizzata. (Ved. anche Il Sole 24 Ore: ‘L’attività finanziaria delle società di factoring è esente da Iva’ – pag. 33)
Titolo: Dal Cndcec guerra agli economistas
Autore: Ignazio Marino
Fonte: Italia Oggi pag:  31
Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti ed esperti contabili, con l’informativa n. 19/2011, dichiara guerra a chi intende percorrere la ‘via spagnola’ per superare l’esame di abilitazione all’esercizio della professione. Conseguire il titolo di commercialista in Spagna e poi tornare in Italia per esercitare la professione rappresenta un abuso di diritto. Il Cndcec è pronto ad impugnare qualsiasi decreto di riconoscimento degli economistas in quanto conseguiti con regole differenti rispetto a quelle vigenti in Italia.
Titolo: Dall’Irpef uno sconto di 80 miliardi
Autore: Marco Mobili
Fonte: II Sole 24 Ore pag:  7
Ammontano a quasi 80 miliardi gli sconti Irpef che l’anno scorso hanno premiato dipendenti, pensionati, autonomi e imprese individuali. A dirlo sono le elaborazioni statistiche 2010 sui redditi Irpef dichiarati nel 2009 anticipate ieri dal Sole 24 Ore ed ora disponibili sul sito del Dipartimento delle Finanze. Dalle tabelle si legge che i contribuenti italiani si sono visti restituire dal fisco oneri deducibili per più di 21,5 miliardi e detrazioni d’imposta per oltre 58 miliardi. E’ su questa galassia di agevolazioni che agirà la riforma del sistema tributario annunciata dal Ministro dell’Economia, Giulio Tremonti.
Titolo: Il 5 per mille chiede i conti
Autore: Marta Saccaro
Fonte: II Sole 24 Ore pag:  12
Da martedì 15 marzo gli enti interessati potranno presentare domanda per iscriversi nell’elenco dei possibili beneficiari del cinque per mille dell’Irpef. L’iscrizione, esclusivamente telematica, dovrà essere confermata con raccomandata entro il 30 giugno. Si avrà tempo fino al 7 maggio per presentare domanda. Quest’anno debutta il prospetto sulle somme ottenute negli anni passati. I destinatari di tali somme devono infatti redigere, entro un anno dalla ricezione degli importi, un prospetto da cui risulti la destinazione delle somme ricevute. L’adempimento è previsto a partire dai fondi relativi al 2008 che sono stati erogati tra settembre e dicembre 2010.
Titolo: Redditometro alla prova dei costi
Autore: Antonio Criscione
Fonte: II Sole 24 Ore pag:  32
I piccoli imprenditori sono preoccupati per la partenza del nuovo redditometro. Il disallineamento tra reddito dichiarato e reddito disponibile potrebbe dare luogo a rettifiche del fisco che non fanno dormire sonni tranquilli alla categoria. E questo mentre si attende un provvedimento dell’Economia che possa fornire le precisazioni dovute. Spesometro e redditometro sono due strumenti diversi. Per il secondo i contribuenti avranno a disposizione un software prima di fare la dichiarazione dei redditi. Un programma che permetterà di fare i conti anche con il reddito e le spese complessive della famiglia. Spese che potrebbero incappare sia nelle maglie del redditometro sia dello spesometro e dare luogo a contestazioni del fisco.
Titolo: Per il fisco rilevanti gli apporti di famiglia
Autore: Dario Deotto
Fonte: II Sole 24 Ore pag:  32
Anche gli apporti della famiglia saranno considerati nel nuovo redditometro. La famiglia viene chiamata in causa dalla legge, ma il riferimento al nucleo familiare non significa mettere in atto un redditometro della famiglia, impossibile se non attraverso una modifica costituzionale, ma riconoscere che determinate spese possono essere effettuate mediante ‘apporti’ di altri familiari. Durante un accertamento un contribuente può dimostrare che alcune spese sono state sostenute grazie alle risorse economiche del coniuge o di un genitore.
[top]