16 Mar 2011

Rassegna stampa fiscale

0 Comment

Titolo: Primo sì allo Statuto delle imprese, all’unanimità
Autore: A.Bac.
Fonte: Corriere della Sera pag:  41
Ieri la Camera, con voto bipartisan, ha approvato lo ‘Statuto delle imprese’ che mira a promuovere e tutelare soprattutto quelle di piccole e medie dimensioni, cui viene riservato il 60% di contributi e agevolazioni. Il testo ora passa al Senato. Secondo il relatore (Raisi) ‘la legge raccoglie ciò che il Governo intendeva fare con la modifica dell’art. 41 della Costituzione’. Lo Statuto punta sulla trasparenza. Le imprese saranno più tutelate. In nessun caso su di esse potrà gravare un’inadempienza della pubblica amministrazione. La p.a. non potrà chiedere documentazioni di cui già dispone. (Ved. anche Italia Oggi: ‘Piccole ma favorite’ – pag. 33)
Titolo: Circolari, un paracadute a metà
Autore: Debora Alberici
Fonte: Italia Oggi pag:  30
Le circolari ministeriali in materia tributaria non sono vincolanti. Se il contribuente si conforma ad una interpretazione erronea fornita dall’Amministrazione in una circolare, poi modificata, evita solo le sanzioni ma non l’accertamento. Lo ha detto la Corte di Cassazione con la sentenza n. 6056 del 15 marzo 2011. Gli ‘ermellini’ di Piazza Cavour hanno così accolto il ricorso dell’Agenzia delle Entrate. (Ved. anche Il Sole 24 Ore: ‘Le circolari non sono vincolanti’ – pag. 31)
Titolo: Effetto domino sulla prima casa
Autore: Andrea Bongi
Fonte: Italia Oggi pag:  31
Con la risoluzione n. 33/E di ieri l’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti sulle agevolazioni prima casa in caso di successioni o donazioni. In presenza di più eredi o donatari se il dichiarante mente sul possesso dei requisiti perdono il beneficio sia il dichiarante che gli altri beneficiari, mentre la sanzione sarà applicata solo nei confronti del dichiarante stesso come unico colpevole di dichiarazione mendace. (Ved. anche Il Sole 24 Ore: ‘Coeredi senza bonus sulla prima casa’ – pag. 32)
Titolo: Al via le domande per il cinque per mille 2011
Autore: Valerio Stroppa
Fonte: Italia Oggi pag:  31
Da ieri è possibile presentare le domande per accedere al cinque per mille 2011. Sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate è disponibile il software con il quale gli enti di volontariato e le associazioni sportive dilettantistiche possono presentare, via web, l’istanza di ammissione ai fondi stanziati per il 2011. Gli enti che rientrano sotto la gestione delle Entrate (enti di volontariato, onlus, associazioni di promozione sociale, associazioni e fondazioni riconosciute) hanno tempo per presentare l’istanza fino al 7 maggio. I soggetti già ammessi, fino al 20 maggio, possono comunicare alla Direzione regionale dell’Agenzia territorialmente competente eventuali errori od omissioni occorsi in sede di compilazione della domanda. (Ved. anche Il Sole 24 Ore: ‘Cinque per mille: iscrizioni al via’ – pag. 33)
Titolo: Ctp Bologna: sono nulli gli accertamenti per delega
Autore: Benito Fuoco e Nicola Fuoco
Fonte: Italia Oggi pag:  31
La Commissione tributaria provinciale di Bologna, con la sentenza n. 7/12/2011 del 4 gennaio, ha annullato un avviso di accertamento per delega. Per i giudici tributari il documento sottoscritto da un funzionario per delega del capoufficio è nullo se il delegato non è in possesso della nona qualifica funzionale. Anche in presenza di un regolare provvedimento direttoriale di delega, l’amministrazione è tenuta a provare l’appartenenza del firmatario al massimo livello gerarchico.
Titolo: Fisco italian style
Autore: Gabriele Frontoni
Fonte: Italia Oggi pag:  32
L’Ocse ha messo a confronto i dati sulla gestione dell’amministrazione fiscale dei Paesi membri. Nonostante il personale sia sensibilmente inferiore a quello degli altri Stati, gli 007 del fisco italiano, nel 2009, hanno messo a segno 1,3milioni di verifiche fiscali che hanno portato al recupero di 408 miliardi di euro. Molto più di quanto ha fatto la Francia nello stesso periodo (i controlli sono stati oltre 51 milioni). Per contrastare l’evasione l’Italia può contare su 33mila unità. Francia e Regno Unito rispettivamente 72mila e 70mila. Ben lontano dai numeri di Usa (92mila) e Germania (112mila).
Titolo: La consulenza fiscale è blindata
Autore: Alessandro Lini (Commissione riforma delle professioni Ungdcec)
Fonte: Italia Oggi pag:  37
La Corte di Cassazione si è pronunciata due volte, nell’ultimo anno, in merito alla professione del commercialista. Una prima volta (aprile 2010) in cui elenca i profili di responsabilità. Una seconda, più recente, in cui delinea i confini di competenza. In quest’ultima ( n. 10100/2011) la Suprema corte ha stabilito che quella del commercialista è una professione protetta. Da ciò deriva che le attività che le sono proprie possono essere svolte solo da soggetti abilitati iscritti all’albo. L’assistenza fiscale può essere prestata cioè solo da soggetti abilitati. Commette il reato di esercizio abusivo della professione chi presta assistenza ad imprese e lavoratori autonomi senza essere iscritti all’albo professionale.
Titolo: Bonus tessile in cerca di sblocco
Autore: Marco Bellinazzo e Luca Gaiani
Fonte: II Sole 24 Ore pag:  31
Per la Tremonti-quater occorre ancora attendere. Probabilmente la prossima settimana l’Agenzia delle Entrate pubblicherà ufficialmente la percentuale di detassazione di cui le imprese del settore tessile potranno beneficiare. L’importo deducibile è pari al costo sostenuto per la realizzazione degli investimenti e comunicato al fisco con il modello Crt. Il decreto legge 40/2010 ha introdotto un’agevolazione per gli investimenti in attività di ricerca per la realizzazione di campionari effettuati nel 2010 dalle aziende del settore tessile. I fondi stanziati per l’anno 2010 dovranno essere ripartiti in base al numero delle domande presentate.
Titolo: Dai controlli via Facebook solo indizi da ‘riscontrare’
Autore: Antonio Criscione
Fonte: II Sole 24 Ore pag:  31
Il fisco potrà avvalersi di Facebook per scoprire le spese tenute nascoste dai contribuenti. Ma queste operazioni saranno solo il punto di partenza per ulteriori indagini e accertamenti. Non potranno, cioè, essere fonti di prova. Per queste – dice Francesco Tesauro, ordinario di diritto tributario all’Università Bicocca di Milano – occorrono riscontri oggettivi e, in caso di accertamento sintetico, occorre invitare il contribuente al contraddittorio. Dal Consiglio nazionale dei dottori commercialisti non arriva un parere contrario: Enrico Zanetti, responsabile dell’ufficio studi, ha detto che si tratta di indagini anche invasive, ma in fondo l’Agenzia delle Entrate ci sta anche per fare questo.
Titolo: Piano straordinario di 80mila ispezioni contro il sommerso
Autore: Luigi Caiazza
Fonte: II Sole 24 Ore pag:  31
Lotta al lavoro nero. Una direttiva inviata agli uffici anticipa il Piano straordinario per la lotta al sommerso. Quest’anno verranno effettuati 80mila controlli sui luoghi di lavoro. La nota ribadisce la necessità di orientare la vigilanza al contrasto delle irregolarità di natura ‘sostanziale’. L’obiettivo è quello di conseguire risultati qualitativi piuttosto che quantitativi. Particolare attenzione dovrà essere posta nel contrasto la lavoro nero, alla sicurezza nei luoghi di lavoro, alla corretta qualificazione dei rapporti di lavoro, alle false prestazioni nel settore agricolo, agli appalti illeciti, agli stranieri irregolari, all’elusione contributiva e al lavoro minorile.
Titolo: La territorialità Iva trova le regole Ue
Autore: Benedetto Santacroce
Fonte: II Sole 24 Ore pag:  32
Ieri l’Ecofin ha approvato definitivamente il regolamento che reca il primo intervento esegetico sulla normativa Iva di fonte non giurisprudenziale. L’iter procedurale della nuova disciplina si concluderà con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Ue. La data di entrata in vigore della disposizione è fissata per il 1° luglio prossimo. Trattandosi di un regolamento, atto che si pone al vertice della gerarchia delle fonti del diritto comunitario derivato, il suo contenuto è obbligatorio per tutti i Paesi membri e direttamente applicabile. La disposizione è importante per l’implementazione del nuovo assetto normativo disposto dalla direttiva 2008/8/Ce sulla territorialità delle prestazioni di servizi.
Titolo: Formazione e indipendenza nel ‘manuale’ per l’arbitro
Autore:
Fonte: II Sole 24 Ore pag:  35
Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti ed esperti contabili ha pubblicato il regolamento per la mediazione. Il documento fornisce le linee guida ai professionisti sulle norme di comportamento da seguire. Il mediatore, iscritto in un apposito elenco, sarà scelto in base ai criteri di turnazione, competenza e disponibilità. Lo stesso dovrà sottoscrivere una dichiarazione di indipendenza e imparzialità. ‘La categoria – ha detto il presidente Claudio Siciliotti – si presenta preparata all’appuntamento con quasi 5mila commercialisti formati’
[top]