25 Gen 2020

Provvedimenti per l’assunzione dei giovani nella finanziaria 2020

0 Comment

Agevolazione contributiva per l’apprendistato di primo livello

Con riferimento all’anno 2020, per i contratti di apprendistato di “primo livello” di cui all’art. 43 del DLgs. 81/2015, stipulati dall’1.1.2020 al 31.12.2020, viene riconosciuto uno sgravio contributivo del 100%:

  • ai datori di lavoro che occupano alle proprie dipendenze un numero di addetti pari o inferiore a 9;
  • per i periodi contributivi maturati nei primi 3 anni di contratto, fermo restando il livello di aliquota del 10% per i periodi contributivi maturati negli anni di contratto successivi al terzo.

Esonero contributivo giovani

Si stabilisce l’estensione dell’esonero di cui all’art. 1 co. 100 ss. della L. 27.12.2017 n. 205, limitatamente al biennio 2019-2020, anche ai giovani che non abbiano compiuto 35 anni di età.

L’esonero può essere richiesto dai datori di lavoro privati che, entro il 31.12.2020:

  • assumono con contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti,
  • o convertono un contratto a termine in uno a tempo indeterminato,

nei confronti di giovani che non abbiano compiuto 35 anni di età.

Il beneficio consiste nella riduzione, per un periodo massimo di 36 mesi, del 50% dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, esclusi i contributi INAIL, fermo restando il limite massimo di importo pari a 3.000,00 euro su base annua.

L’esonero è elevato al 100% per le assunzioni, effettuate nelle Regioni Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Sicilia, Puglia, Calabria e Sardegna, di soggetti:

  • che non abbiano compiuto 35 anni di età,
  • ovvero con più di 35 anni di età se privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi.
  • Viene abrogato l’incentivo introdotto con l’art. 1-bis co. 1, 2 e 3 del DL 12.7.2018 n. 87 (c.d. “decreto dignità”).

Esonero contributivo giovani eccellenze

Viene prevista l’operatività dell’incentivo c.d. “bonus eccellenze”, di cui all’art. 1 co. 706 e ss. della L. 30.12.2018 n. 145, attraverso:

  • l’abrogazione dell’art. 1 co. 714 della L. 145/2018, che subordinava la fruizione dell’incentivo all’emanazione di una circolare da parte dell’INPS;
  • l’applicazione, dall’1.1.2020, delle procedure, delle modalità e dei controlli previsti per l’esonero contributivo per gli “under 35” (di cui all’art. 1 co. 100-108 della L. 27.12.2017 n. 205).

L’incentivo, che consiste nell’esonero dal versamento dei contributi previdenziali a carico delle aziende, con esclusione dei premi INAIL, per un massimo di 12 mesi, è riconosciuto ai datori di lavoro privati che, nel periodo compreso tra l’1.1.2019 e il 31.12.2019:

  • hanno assunto giovani altamente qualificati con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, anche a tempo parziale;
  • oppure hanno trasformato il contratto di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato.

I lavoratori devono aver conseguito nel periodo compreso tra l’1.1.2018 e il 30.6.2019:

  • una laurea magistrale con voto 110 e lode (e con una media ponderata di almeno 108/110) prima del compimento del trentesimo anno di età;
  • un dottorato di ricerca prima del compimento dei 34 anni di età.

Esonero contributivo per le atlete

Al fine di promuovere il professionismo nello sport femminile ed estendere alle atlete le condizioni di tutela previste dalla normativa sulle prestazioni di lavoro sportive, si consente alle società sportive femminili che stipulano con le atlete contratti di lavoro sportivo per gli anni 2020, 2021 e 2022, di poter richiedere l’esonero dal versamento:

  • del 100% dei contributi previdenziali e assistenziali;
  • con esclusione dei premi per l’assicurazione obbligatoria infortunistica;
  • entro il limite massimo di 8.000,00 euro su base annua.

Fonte: Eutekne

[top]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *