08 Giu 2020

Parte il credito d’imposta sulla locazione di immobili

0 Comment

Con la circolare 14/E del 6 giugno scorso, l’Agenzia delle Entrate precisa i contorni del nuovo credito d’imposta sulle locazioni ad uso imprenditoriale previsto dal’art. 28 del D.L. 34/2020 (Decreto Rilancio).

Con la risoluzione 32/E viene inoltre istituito il codice tributo ( “6920” denominato “Credito d’imposta canoni di locazione, leasing, concessione o affitto d’azienda – articolo 28 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34”.) dando quindi avvio alla sua concreta fruizione.

Il credito in questione potrà quindi essere usufruito da:

  •  tutti i soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione, con ricavi o compensi non superiori a 5 milioni di euro nel periodo d’imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del decreto (di norma quindi il 2019), compresi:
    • i contribuenti forfettari;
    • le imprese agricole;
    • gli enti non commerciali;
  • a condizione che condizione che i «soggetti esercenti attività economica abbiano subito una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi in ciascuno dei mesi di marzo, aprile e maggio di almeno il cinquanta per cento rispetto allo stesso mese del periodo d’imposta precedente». Quindi il relativo calcolo andrà effettuato distintamente per ogni singolo mese.

La misura del credito d’imposta è determinata come segue:

  • 60% del canone relativo ai  canoni di «locazione, di leasing o di concessione di immobili ad uso non abitativo destinati allo svolgimento dell’attività industriale, commerciale, artigianale, agricola, di interesse turistico o all’esercizio abituale e professionale dell’attività di lavoro autonomo».
  • 30% del canone relativo al canone di affitto di azienda comprensivi di almeno un immobile a uso non abitativo.

Il credito d’imposta potrà essere usufruito direttamente esclusivamente mediante compensazione e previo pagamento del relativo canone.

Potrà anche essere ceduto al locatore (in tal caso deve intervenire il pagamento della differenza tra il canone dovuto ed il credito di imposta – 40% del canone considerando che il credito è del 60%, 70% del canone in caso di affitto d’azienda) o ad altri soggetti (banche o altri). Le modalità operative in caso di cessione saranno definite con apposito provvedimento dell’agenzia.

 

[top]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *